Hopside: Beer and Food!

HopsideSabato sera, presa all’improvviso dalla voglia di qualcosa di nuovo, sfoglio al volo qualche pagina online e decido con il mio partner di andare alla scoperta di questa giovane birreria risto-pub!

Stiamo per andare in un pub…dobbiamo prenotare? Ma no dai, ci sarà posto a quest’ora! E invece…arriviamo fuori il locale verso le 21:30 ed è pieno!
Una cameriera ci avverte che c’è un po’ di fila prima di poterci far accomodare, ma non importa, aspettiamo volentieri perché subito il locale rapisce la mia attenzione!
Un grande bancone domina a 360° la grande ed unica sala dal suo centro. Un lato di esso è occupato interamente dalle circa 10 birre alla spina, che variano molto spesso (ottimo!), sovrastate da una grande lavagna che riporta i nomi delle diverse birre presenti.

Durante la nostra attesa ci accomodiamo al bancone delle spine e… ecco che non tutti i mali vengono per nuocere! Abbiamo l’opportunità, grazie alla gentile “birraia”, di assaggiare alcuni tipi di birra per decidere quella che poi prenderemo durante la nostra cena. Vincono la Black Lullaby e la Jellyfish! Entrambe italiane ed entrambe buonissime!

Il design del locale è originale, simpatico, caldo ed accogliente. Pavimento in cotto antico, tavoli e sedie di diversi stili e colori che ricordano il design scolastico, pareti in cemento armato alternate con parti ricoperte da doghe in legno chiaro-scuro con affissi alcuni interessanti quadri…da osservare con cura durante l’attesa che in pochi minuti si rivela terminata (saranno stati veramente pochi minuti o l’atmosfera del locale così eccitante me li ha fatti scorrere più velocemente?!?).

Ci sediamo al nostro tavolo, con le sedute inaspettatamente comode grazie a dei corposi cuscini, e già con le idee chiare ordiniamo le nostre birre (poco prima scelte), delle patatine country (spesse e speziate – buone) da condividere e due panini con hamburger. Il panino-burger base è composto con hamburger di carne di manzo selezionata, insalata, pomodoro, pane artigianale (buono!) e patatine chips home-made. Ma…grazie all’originale e apprezzatissimo menù “Pimp my burger” decidiamo di arricchire i nostri panini ed io opto per l’hamburger da 115gr al quale aggiungo il cheddar, le verdure grigliate e le cipolle caramellate…il risultato?!?? Una vera goduria! La carne era gustosa e con cottura perfetta, come quella delle verdure e delle cipolle! Da 10 e lode!
Ogni ingrediente da aggiungere ha un prezzo che varia dai 50 cent ad 1 euro e vi assicuro che ne viene messo il giusto quantitativo dentro il panino. 😉
Hopside birreria

HopsideAnche il panino del mio partner, con 200 gr di hamburger, insalata, pomodoro, e con l’aggiunta di bacon tostato e cheddar, risulta davvero sbalorditivo!

Altra nota molto positiva: ogni tavolo ha un cestino con varie salse (ketchup, bbq, senape, maionese, Worcester) per condire ulteriormente i piatti scelti.

Che dire??!!?? Tutto è stato incredibilmente perfetto! I nostri piatti sono arrivati tutti caldi e ben preparati, le birre hanno affascinato le nostre gole, le patate country stuzzicato gli appetiti e i burger deliziato i nostri palati!
Il personale ed il servizio è stato attento, cortese e disponibile, pur essendo una serata molto caotica ed affollata.

FELICITÀ è la parola giusta per descrivere la sensazione che ho provato a fine serata e proprio per questo motivo non vedo l’ora di tornare in questa originale birreria, che inoltre al piano inferiore offre un laboratorio di Homebrewing dove poter produrre artigianalmente la propria birra!

Idea originale che ha avuto vita grazie alla vincita nel dicembre 2012 di un bando della Regione Lazio che premiava Start-Up innovative e che ha permesso al progetto Hopside di prendere corpo!

Hopside – via Francesco Negri 39, Roma

Without Music Club ad Ostiense, un ritrovo per pochi

Without music club Roma

Ci sono poche cose da dire sul Without! E’ un posto TRUE!
È il pub dove vai con gli amici dopo aver passato la serata in giro per altri locali e ancora hai voglia dell’ultima birra o drink a suon di musica anni Ottanta. L’aspetto del locale? Con le luci sempre basse, soffuse, rosse, l’orario tardo, la musica, gli amici e qualche bicchierino in più non potrai mai ben notare se ci sarà un dito di polvere nell’angolo o se il tavolini sarà un po’ appiccicoso. Non importa!

Di recente ha anche riaperto la saletta inferiore dove poter ballare nel week-end tra l’oscurità e musica Dark Wave, Cold Wave, Post Punk, Industrial, Electro-Goth, se ci sono serate in calendario.

È un luogo alla David Lynch dove il tempo sembra rarefarsi, la musica alternativa prendere il sopravvento e dove poter fare l’alba staccando dal resto della realtà selvaggia.

Without Music Club – Via dei Magazzini Generali 4/d, Roma