RivaReno gelateria Ostia, quando il gelo si espande

rivereno gelateria ostiaRivareno gelateria, franchising milanese diffusosi in Italia e all’estero, è arrivata da qualche tempo anche sulle sponde del litorale romano, precisamente nell’isola pedonale di Ostia centro, a concorrere con altre gelaterie della zona per la qualifica di migliore gelateria artigianale di Ostia Beach.

Come descritto in una mia precedente visita, il locale si presenta molto semplice ed essenziale, con pareti completamente bianche e un grande bancone con pozzetti per il gelato e macchinari per waffles e crepes che si affaccia anche sulla vetrina esterna. Tuttavia nulla di particolare attira l’attenzione.
I gusti dei gelati sono segnalati su una parete e descritti nelle didascalie, alcuni più classici altri più originali, risultano molto cremosi, saporiti e non eccessivamente zuccherini. Degni di nota il gusto Contessa, a base di pasta di mandorla di Sicilia, amaretti e nocciola piemontese tonda gentile, il Caffè, preparato con miscela Arabica e croccanti scagliette di cioccolato fondente, e il Cioccolato al rhum di Jamaica, che ricorda i cioccolatini cuneesi al rhum. Croccante e gustosa la cialda del cono in doppio spessore.

I prezzi sono un po’ più alti rispetto alla media ostiense, coni e coppette da 2.5 euro in su, sicuramente dovuti ad un’accurata selezione delle materie prime (come in molte altre gelaterie artigianali), ma non rapportati ad un personale freddo e scostante, che sembra essersi gelato tra il bianco anonimo del locale e il gelo dei prodotti in vendita.
Peccato davvero, perché uno staff del genere fa presto dimenticare il buon gusto del prodotto, che anzi prende il sapore dell’amaro e dell’insoddisfazione.

Nella speranza di vedere un sorriso o una maggiore delicatezza e accoglienza nei confronti del cliente, consiglio comunque di provare almeno una volta alcuni dei loro gusti speciali.

RivaReno Gelato – via della Stazione Vecchia 10/ 12, Ostia lido (Roma)

Annunci

Hosteria Grappolo d’oro, un buon ristorante in Roma centro senza pretese

risotrante roma centro grappolo d'oro osteriapasta alla carbonara osteria grappolo d'oro

L’Hosteria Grappolo d’oro si trova proprio dietro l’affollatissima piazza Campo de’ Fiori, di fronte al palazzo della Cancelleria, pronta ad accogliere sette giorni su sette cittadini romani, lavoratori della zona e turisti sia a pranzo sia a cena, ad eccezione del mercoledì a pranzo in cui è chiusa.

Aperta agli inizi del ‘900 per volontà della Confraternita dei Macellai romani che intendeva offrire agli avventori prodotti tipici della zona romana, stagionali e sempre freschi in un ambiente semplice e senza pretese, ma accogliente e centrale. Tale filosofia oggi si rispecchia nella gestione cordiale e sempre rispettosa del cliente che fin dal primo ingresso nel ristorante cerca di farlo sentire a suo agio.

Il Grappolo d’oro è diviso tra due grandi sale all’interno e una zona esterna, arredato in modo semplice ed informale con tavoli e sedie di legno tipiche delle osterie romane di altri tempi. Allo stesso tempo però l’ambiente risulta curato e raffinato, per nulla caotico e sporco come poteva essere quello agli inizi del secolo scorso.
ristorante grappolo d'oro internoLa cucina, come detto in precedenza, è quella della tradizione romana stagionale che propone anche alcune rivisitazioni e piatti del giorno variabili. Sul menù troviamo infatti carbonara, amatriciana, cacio e pepe, coda alla vaccinara, polpette di bollito, agnello al forno, baccalà alla romana, solo per dirne alcuni.
Gli spaghettoni alla carbonara (9.5 euro) sono fatti a regola d’arte ed i tagliolini fatti in casa con carciofi, guanciale croccante e pecorino (11.5 euro) ricordano quei sapori della nonna che cucinava dalle prime ore del giorno per rendere i carciofi perfettamente morbidi e saporiti, il guanciale croccante e non invasivo e la pasta fatta in casa memorabile (alla prima forchettata quasi una lacrimuccia mi era scesa sulla guancia).
pasta con carciofi e guanciale croccante osteria romaPassando direttamente ai contorni le patate al forno sono ben cotte e croccanti e la cicoria ripassata buona, anche se con un po’ troppo peperoncino. Le porzioni giustamente abbondanti per quei 5 o 6 euro di prezzo al piatto.

ristorante roma grappolo d'orocicoria ripassata osteria roma grappolo d'oro

Non mancano anche i tipici carciofi alla romana e tra gli altri interessante la scarola brasata con olive di Gaeta e capperi e l’insalata di spinaci, noci, sfoglie di Vecchio Piave ed olio di senape.

Per concludere la conoscenza dei loro prodotti fatti in casa, tra i dolci il cheesecake freddo (il tipo non cotto, che io apprezzo molto i più) con cioccolato fondente è gustoso e leggero ed il semifreddo ai due cioccolati morbido e saporito con pezzetti e guarnizione di buon cioccolato che non guasta mai.
ristorante buono economico grappolo d'oro roma trasteveredolci fatti in casa roma centro
Un pranzo piacevole e rilassato in un lunedì di marzo, sicuramente da replicare per provare alti piatti gustosi, tipici e ben presentati.

Hosteria Grappolo d’oro – piazza della Cancelleria 80, Roma

Antica pizzeria Gruppo, un pezzo di storia di Ostia

pizzeria ristorante ostiaLe insegne dicono che sia aperta dal 1929, molti ne parlano come di un pezzo di storia di Ostia, tante le persone che la affollano nei week-end. Complice di tutto ciò anche la posizione centrale che situa l’Antica pizzeria Gruppo nella vivace isola pedonale di Ostia, all’interno di un edificio basso e largo, che ricorda un grande casale di campagna con una torretta sulla sommità.
L’interno è ampio e spazioso, arredato con mobilio di legno classico e rifiniture rustiche. Soffitti più e meno alti con alcune vetrate sul tetto, quasi come in una serra, creano tuttavia un’acustica sfavorevole quando il locale si riempe e non si riesce più a parlare tranquillamente con il proprio vicino.

Una domenica sera con il mio partner abbiamo preso qualche fritto come antipasto appeno ho notato sul menù che era fatto in casa, nello specifico una crocchetta e due supplì. La crocchetta era discreta, ma i supplì, pur avendo una buona panatura e frittura, avevano il riso poco condito, appena rosato, e troppo scotto.
pizzeria fritti ostia gruppoPer fortuna la portata principale era migliore, una pizza margherita con funghi e prosciutto crudo, preparata secondo la tradizione romana, fine e croccante, ben cotta, equilibratamente condita e saporita. L’impasto infatti è risultato molto leggero e digeribile anche a fine serata.
La pizza del mio partner invece, una pizza carbonara, aveva un condimento un po’ deludente, con poca mozzarella, pecorino, pepe?, pezzettini di cubetti di panchetta e uovo sodo sbriciolato. Un po’ poco di tutto insomma. E soprattutto per chiamarsi carbonara anziché avere tracce di pancetta avrebbe dovuto avere delle belle strisce di guanciale croccante o scottato.

   pizza ostia antica pizzeria gruppopizza romana ostia gruppo

Il personale di questa antica pizzeria romana di Ostia è composto da giovani ragazzi/e cortesi e disponibili, l’ambiente nel suo complesso risulta gradevole e pulito, anche se troppo caldo e caotico quando pieno.

I prezzi sono molto concorrenziali e, fatto ormai raro, non vi è un sovrapprezzo per il servizio o coperto, che lascia al cliente l’opportunità di scegliere la mancia da lasciare in base al proprio soddisfacimento e andamento della serata.

Sicuramente da riprovare in un giorno feriale, evitando magari i fritti. 😉

Antica pizzeria Gruppo – via della Stazione Vecchia 9A, Ostia Lido (RM)

Laurus caffetteria ristorante poliedrico nel cuore del Nuovo Salario

Bar ristorante caffetteria piazza Filattiera Roma

Il 2015 nel quartiere Nuovo Salario ha portato parecchie novità, tra cambi di gestioni, nuove aperture e tanta volontà di stupire e ammaliare il pubblico. Ed è tra queste che si distingue Laurus, un locale poliedrico, un cubo di cubrik che con i suoi colori è insieme caffetteria, ristorante, pizzeria, sala da te, merende e aperitivo.

Un trionfo di offerte per un locale che ha per nome e guida il simbolo della vittoria e della sapienza, l’Alloro. Infatti i 3 giovani proprietari intendono esprimere la loro attività a 360° per soddisfare ogni tipo di cliente in tutti i momenti della giornata.

Partendo dalle golose offerte mattutine a base di cornetti, torte, bignè e maritozzi con la panna per strappare il primo sorriso della giornata anche con prezzi molto invitanti – caffè+cornetto a 1,30€ e cappuccino+cornetto a 1,50€ -, passando per l’ora del pranzo proponendo pasti veloci con focacce, sformati e panzerotti oppure pause più rilassate con un interessante menù alla carta, per arrivare all’ora dell’aperitivo prima e a alla cena poi a base di piatti tradizionali o rivisitati del menù ristorante-pizzeria, che comprende anche una vasta sezione per dolci fatti in casa, vini e birre artigianali.

    Laurus bar ristorante nuovo salario RomaLaurus bar piazza filattiera roma

Sfogliando velocemente il menù noti subito che in cucina l’alloro è protagonista (ovviamente) di molti piatti che sembrano concepiti sulla scia dell’innovazione sulla tradizione.

Questa mattina io ho preso uno squisito saccottino alle mele, morbido, con pezzettoni saporiti del frutto e un buon caffè macchiato con latte parzialmente scremato, arricchiti dalla cortesia e piacevole accoglienza di uno staff giovanile e attento al cliente.

La location è moderna ed elegante, con quel “tocco di casa”, dato dalle mensole con libri e bottiglie, un’orchidea in vaso sul bancone e una carinissima bajour in stile liberty, che ti fa sentire subito a tuo agio in un ambiente informale e nel contempo raffinato. ristorante pizzeria nuovo salario Roma

Con mio stupore e piacere ho ben presto notato, dietro il bancone, la moderna e brillante cucina a vista e poco più indietro il bel forno a legna, tondo e panciuto che si affaccia nella sala interna dell’ala ristorante composta anche di un’area esterna verandata. Colori sul rosso, nero e bianco, mobilio moderno e di antiquariato rendono l’atmosfera frizzante e piena di sorprese.
Sorpresa proprio come sono rimasta io questa mattina dopo aver passato 5 minuti in questo locale così multiforme e originale!

Direi che le premesse sono ottime per un’attività moderna e giovanile che spero possa mantenere alti i livelli di qualità, pulizia, cortesia e attenzione al cliente in un quartiere di periferia povero di talune caratteristiche in realtà vincenti per un’attività commerciale.

Laurus ristorante – piazza Filattiera 54, Roma

Luppolo Station di Trastevere: partiti alla grande i treni per la via del luppolo!

Un venerdì 13 inondato da fiumi di birra, finger food stuzzicanti e tantissime persone accorse alla stazione del luppolo birra artigianale roma trastevere luppolo stationApertura alla grande per il Luppolo Station che a Trastevere ha attirato centinaia di persone per l’inaugurazione più frizzante del venerdì 13 sera. Il locale sembra una stazione dei treni di fine Ottocento con costoloni a vista di ferro sul soffitto, banchine e scompartimenti per sedersi, oltre a tavolini e sedie in legno, tabelloni con orari delle partenze e insegne luminose con diverse destinazioni. Superato l’ingresso, attraverso una specie di cuccetta, l’ambiente è diviso in due zone, una più grande dove si trova il grande bancone di legno con 20 spine di birra rigorosamente artigianali e una poco più piccola in una sala più appartata che ricorda un ricco salone d’aspetto con divani e mobilio in noce e tessuto. A ricordarci che siamo a Trastevere ci sono calde pareti in pietra viva e un magnifico tabellone laser recante la lista delle diverse spine presenti con nome, birrificio, gradazione alcolica, tipologia e prezzo. Degno di nota il prezzario con tutte le birre a 3€ per la piccola e 5€ per la media, rimarrà sempre così? Speriamo di si!

luppolo station trastevereDall’apertura fino a tarda serata fiumi di birra artigianale sgorgavano dalle 20 spine gestite da uno staff super operativo e cortese che trovava anche il tempo per consigliare gli avventori sul tipo di birra da prendere, mentre gentili e simpatiche cameriere durante tutta la serata attraversavano il locale con vassoi di leccornie monoporzione: riso venere con verdure miste, mezze maniche all’arrabbiata o con broccoli e salsiccia, arista di maiale in salsa, cestini di frittura vegetale mista e mini tiramisù alla birra. Notevole la preparazione di ogni piattino, ben cotta e condita ogni pasta, frittura preparata in modo eccelso e il tiramisù giustamente, e finalmente!, fatto con savoiardi imbevuti di birra, ottima cioccolata fondente in pezzi e una crema al mascarpone delicata. E questi sono solo alcuni assaggi della cucina che sarà operativa in modo completo verso metà aprile.
In un angolo del locale poi un palchetto accoglieva due dj che per l’intera serata hanno proposto piacevole musica leggera di sottofondo.

birreria artigianale trastevere luppolo stationCon queste premesse il Luppolo Station si presenta come un nuovo punto della capitale dove la tradizione artigianale birraia e quella culinaria italiana sono valorizzate, coltivate e diffuse al vasto pubblico. Ad accogliere la nuova attività durante l’affollata serata si sono visti alcuni volti noti del mondo birraio romano, tra i quali anche il proprietario del Ma che siete venuti a fa (rinomata birreria artigianale di Trastevere) ed esponenti dell’Associazione Degustatori Birra.

Questa sera, sabato 14 marzo, i ragazzi del Luppolo Station replicheranno con un’altra serata di inaugurazione sperando che abbiano ben riposato e ripreso le forze per affrontare folle appassionate di birra.

Luppolo Station – via G. Parini 4, Roma

Apre Luppolo Station, risto-pub di Roma Trastevere carico di birra

Venerdì 13 marzo apre a Trastevere il Luppolo Station con vagoni carichi di birre e proposte culinarie frizzanti
birreria artigianale trastevere roma luppolo station
Dopo il successo della birreria Luppolo 12, via dei Marruccini 12, che dal 2012 nel quartiere San Lorenzo continua ad attirare amanti della birra, domani venerdì 13 marzo, sfidando ogni superstizione, i soci fondatori prenderanno il treno verso una nuova avventura con l’apertura del pub ristorante Luppolo Station, nel centro di Roma, a Trastevere, in via G. Parini 4.
La nuova stazione birraia proporrà non solo numerose birre artigianali italiane e straniere alla spina e in bottiglia, ma anche una interessante offerta gastronomica che vada oltre i panini e i taglieri del locale genitore e una scelta musicale che spazierà tra dj set e musica dal vivo.

L’inaugurazione si svolgerà venerdì 13 e sabato 14 marzo dalle ore 17:00 in poi, con 20 SPINE DI BIRRE ARTIGIANALI che attenteranno i nuovi passeggeri per intraprendere insieme un viaggio del gusto.

La Tap List inaugurale:

1-Birrificio Italiano – TIPOPILS
2-Extraomnes – TRIPEL
3-Brewfist – SPAGHETTI WESTERN
4-Birrifico del Ducato – BEERSEL MORNING
5-Brewfist – 2LATE
6-Gaenstaller – KELLER
7-Birrone – CIBUS
8-Hummel – JUBILEUM
9-Birrificio Italiano – NIGREDO
10-Birrificio Rurale – OASI
11-Birra del Borgo – ENKIR
12-Brewdog – JACKHAMMER
13-Lambrate – GAINA
14-Toccalmatto – RE HOP
15-Birrificio Pontino – RUNNER ALE
16-Birrone – VAIZEN
17-To øl – BLACK BALL
18-Birrificio Lariano – NEW AGE
19-Birrone – Fuckin
20-Birrificio Lariano – SALADA

Se queste sono le premesse, io intanto corro a prendere il biglietto della Stazione del Luppolo! 😉

Luppolo Station – via G. Parini 4, Roma

StrEATart: la pizzeria street di Roma Parioli

Innovativa pizzeria street-food che a Piazza Buenos Aires trasforma il cibo di strada in Arte
pizza al taglio roma streatartpizzeria roma streatart

Una domenica dopo una bella mattinata di sole passata a Villa Ada io e il mio partner abbiamo deciso di allungare la nostra passeggiata verso il magnifico quartiere Coppedè, dove tra sontuosi palazzi Liberty e stradine silenziose ci siamo ritrovati con il naso all’insù attirati da un’odorino, e ormai un certo languorino, che proveniva dalla vicina piazza.
Ci rechiamo dunque in piazza Buenos Aires e scopriamo che quel profumo è sprigionato dal forno di una graziosa pizzeria. Appena entrati noto subito però che non è la classica pizzeria a taglio romana, ma una pizzeria che propone cibo-da-strada secondo un’altra filosofia.
La pizza qua proposta infatti non è in teglia o alla pala, ma in formato tondo, come quella che trovi al ristorante, di dimensioni però più piccole. Il bancone offre tante “pizzette” ognuna con particolari ingredienti diversi, un peso di circa 110-120 gr e con prezzi tra i 3,50 € e i 5 €.
street food roma pizzeria streatart

L’arredamento del locale è semplice, ma raffinato, accogliente e familiare. Pulito, solare, sui toni del bianco dispone di alcuni sgabelli all’interno e di una veranda esterna, sulla piazza, dove gustare all’aria aperta il proprio pasto.

Arriviamo al food però! La pizzeria a taglio StrEATart è un laboratorio del gusto, della ricerca e dell’innovazione che sforna 7 giorni su 7 originali pizze e fritti da street-food o take away (tradotto: da mangiare-per-strada o da gustare-a-casa). L’imbarazzo della scelta è assicurato in un posto del genere! Infatti dopo qualche fatica indecisionale… scelgo una pizzetta con crema di zucca, mozzarella, porcini e prezzemolo che si rivela fin dal primo morso un qualcosa di incredibilmente buono! L’impasto è lievitato a lungo (dicono circa 72 ore), la cottura ottima ed il risultato è una pizza fina, croccante e allo stesso tempo morbida, ma soprattutto molto leggera e digeribile.
Leggo qualche cartello appeso qua e là e constato che l’impasto della pizza è il frutto di una miscela selezionata ottenuta da quattro tipi di farine: farina di frumento tenero, farina di riso, farina di soia e pasta madre essiccata, che ricorda molto l’impasto della pinsa, oggi tornata in voga.
Non deludono affatto anche la pizza con mozzarella, provola e pancetta, super golosa, e quella con patate, mozzarella e pesto, come anche l’originale arancino spinaci, gorgonzola e noci!
pizza al taglio viale regina margherita roma street food roma streatartstreet food roma pizza streatartIdea molto apprezzata quelle di predisporre sulle pareti alcune porte USB dove poter liberamente ricaricare il proprio smartphone o tablet tramite cavetto che, se non lo si ha appresso, è gentilmente prestato dalla casa!
StrEATart inoltre prepara pizze da portare via sia nel formato piccolo street-food sia in quello più grande classico dando la possibilità ai clienti di ritirarla cotta oppure in forma di impasto steso e condito pronto per essere infornato a casa!
I prezzi di ogni prodotto sono molto vantaggiosi rispetto ad una tradizionale pizzeria-ristorante e la qualità dei prodotti si sente che è alta.

Il personale è stato accogliente, gentile e disponibile durante la mia indecisione con annesse domande varie su preparazioni e ingredienti fino al momento della nostra uscita dalla pizzeria (mi avranno un po’ detestata).

Dopo aver scoperto questo scrigno di arte del gusto penso proprio che sarà difficile mangiare pizze da street-food migliori a Roma.
Straconsigliato agli amanti del buon cibo! 🙂

StrEATart – Piazza Buenos Aires 19, Roma